Fasce toraciche per cardio e GPS, come sceglierle?

fascia toracia per cardio polarTra una fascia toracica e un’altra non sembra esserci una gran differenza e, il più delle volte, la scelta non pone alcun problema. Perché si prende quella che l’azienda produttrice del cardio o del GPS ha incluso nella dotazione.

Sempre più spesso, però, la fascia toracica si può acquistare in un secondo momento, oppure vengono offerte più alternative, ma in tutte quelle sigle ci si perde un po’. Che cosa cambia tra una e l’altra fascia?

Volendo trovare qualche criterio per classificarle, si potrebbero adottare i seguenti:

  1. materiale di costruzione della fascia toracica
  2. resistenza all’acqua del trasmettitore
  3. possibilità di sostituzione la batteria
  4. tecnologia di trasmissione

 

Materiale di costruzione della fascia toracica

Solitamente le fasce toraciche economiche hanno una parte elastica e una in plastica, che accoglie gli elettrodi per la rilevazione del battito cardiaco e il trasmettitore. Se si sale un po’ di prezzo, allora la fascia toracica è realizzata con una pelle sintetica flessibile e decisamente più confortevole. Anche la parte che incorpora gli elettrodi è molto più flessibile di quanto non sia in una fascia toracica economica. In fasce toraciche di questo tipo, il trasmettitore si può sganciare  e si fissa con due bottoni. Una bella comodità, perché così la fascia la si può lavare con molta più facilità.

 

Resistenza all’acqua del trasmettitore

Nelle fasce toraciche resistenti all’acqua di solito la parte che contiene il trasmettitore è più sottile. Sono quelle solitamente utilizzate per canoa, canottaggio, nuoto e triathlon.

 

Possibilità di sostituzione la batteria

In commercio ci sono fasce toraciche non permettono di sostituire la batteria. E’ una soluzione che viene di norma adottata per renderle water resistant, non c’è modo di aprirle per cambiare la pila e l’acqua non passa. Anche se passerà un po’ di tempo prima che questo accada (in genere due-tre anni con un’ora di allenamento al giorno), quando la batteria sarà scarica non si dovrà acquistare una nuova fascia. Operazione molto più costosa.

 

Tecnologia di trasmissione

Le fasce toraciche “coded” non subiscono interferenze una volta che si sono agganciate al ricevitore. La cosa può non far grossa differenza quando si corre al parco da soli, ma molto diverso è trovarsi alla partenza di una mezza, una maratona, o quando si pedala in gruppo. Alcune fasce Polar, oltre alla tecnologia WIND proprietaria, supportano la trasmissione codificata a 5kHz, affinché siano compatibili con la maggior parte degli attrezzi per il cardiofitness che si trovano nelle palestre. Sempre Polar, produttore storico di cardiofrequenzimetri, ha ora realizzato una fascia in grado di trasmettere via bluetooth agli smartphone, su cui sono state installate applicazioni sportive per l’allenamento. Garmin, altro importante produttore del settore, utilizza tecnologia di trasmissione ANT. Quando c’è il supporto ANT+, aumenta la possibilità di accoppiarla ad altri dispositivi, come macchine da palestra, ciclocomputer, bilance etc.

I loro prezzi variano mediamente dai 30 ai 60 euro.

 

Foto profilo autore Luca Negri
Autore: Luca Negri
Kayaker, maratoneta e sviluppatore per il web.
Ultima modifica il 26/09/2013 alle 13:19

Lascia un commento