Garmin Forerunner 620, nuovo GPS a colori

GPS Running Forerunner 620E’ uno dei nuovi arrivi in casa Garmin per la gamma GPS Running. Come il 220 ha il display a colori. Forse non sarà indispensabile, ma è una bella novità e conferisce un certo appeal a questo sportwatch. E poi, i dati si leggono meglio. Il Garmin Forerunner 620 offre di più, naturalmente, e dispone di molte funzionalità aggiuntive rispetto al Forerunner 220. Che è la sua versione economica.

Una tra le più pratiche è il tempo di recupero che indica alla fine di una corsa, calcolato sulla base della sua intensità del lavoro appena svolto. Non rispettare i tempi di recupero è uno degli errori che gli sportivi compiono. Il primo minuto della corsa successiva il Forerunner 620 fa un check e verifica che l’organismo abbia recuperato lo sforzo precedente. Se l’esito è negativo, basterà tramutare l’allenamento previsto in una corsa lenta per non rischiare di andare in overtraining.

Il Garmin Forerunner 620 stima, inoltre, il massimo consumo di ossigeno (VO2Max) e predice il tempo che il runner può ottenere in gara, se opportunamente allenato.

Se il GPS viene usato, come è consigliabile, con la fascia cardio HRM-Run, non solo vengono registrati – e mostrati in tempo reale – i dati relativi alla frequenza cardiaca. Un sensore presente all’interno della fascia calcola l’oscillazione verticale, che va minimizzata per una corsa efficiente, e il tempo di appoggio del piede.

Si possono impostare piani di allenamento complessi. Si possono attivare alter acustici o a vibrazione basati sul ritmo da tenere. Alla fine dell’allenamento i dati vengono trasferiti a uno smartphone accoppiato al GPS, appena questo entra nel suo raggio d’azione. Oltre a mostrarli, il telefono penserà a caricarli con il servizio Garmin Connect.

Foto profilo autore Luca Negri
Autore: Luca Negri
Kayaker, maratoneta e sviluppatore per il web.
Ultima modifica il 24/10/2017 alle 15:15

Articoli correlati